Thursday, 28 June 2007

COLOMBIA: CONFERMANO LA MORTE DEGLI OSTAGGI


Sono i dodici deputati colombiani del dipartimento di Valle del Cauca in mano alle FARC dall'aprile del 2002. Oggi il gruppo guerrigliero ha detto in un comunicato che undici di loro sono morti al termine di un conflitto a fuoco con un gruppo armato non identificato. Unico sopravissuto il deputato Sigifredo Lopez che non si trovava sul posto al momento dell'incursione. Sgomento tra i famigliari, che speravano in altro finale. Il presidente Alvaro Uribe accusa direttamente le Farc di avere liquidato gli ostaggi e nega l'azione armata da parte dell'esercito. I parenti degli ostaggi hanno più volte detto di non essere d'accordo con l'opzione militare ma Uribe, stretto alle corde per il maxi scandalo sulle sue relazioni con i gruppi paramilitari di destra, ha giocato la carta della mano dura anunciando ai colombiani e al mondo intero che in poco tempo sarebbe riuscito a portare a casa i dodici deputati ma anche Ingrid Betancourt e Clara Rojas. "La demenziale intransigenza - si legge nel comunicato delle FARC - del presidente Uribe rispetto allo scambio umanitario e la sua strategia di riscatto militare rispetto ad ogni altra opzione porta a tragedie come quella di cui vi stiamo informando". "Le Farc mentono - ribatte Uribe in diretta televisiva - danno dati contradditori per mascherare un crimine di lesa umanità. Nei giorni scorsi non c'è stata nessuna operazione militare da parte dell'Esercito nella zona".
Leggi qui il comunicato integrale delle FARC
Ascolta qui l'intervento di Monsignor Marulanda, presidente della Conferenza Episcopale colombiana a Radio Caracol che di fatto conferma la morte degli ostaggi
Leggi qui l'intervento di Alvaro Uribe

No comments: