Monday, 8 October 2007

L'ARGENTINA SCOPPIA - e applica l'Apartheid dei voli...



L'Argentina scoppia. Non proprio di salute ma di turisti sicuramente. Scrivo questo post nella filiale del centro di Buenos Aires di Aerolineas Argentinas, vettore aereo semi-monopolico, comprato da spagnoli e che sta facendo affari d'oro con il flusso di turisti che invadono il paese. Sono soprattutto sudamericani, motlissimi brasiliani e cileni. Poi ci sono gli europei (italiani, spagnoli e francesi soprattutto) e gli statunitensi. Aerolineas vola con gli aerei pieni, è in conflitto permanente con i sindacati che almeno un giorno alla settimana bloccano le operazioni, ed è l'unica compagnia aerea al mondo ad APPLICARE DOPPIE TARIFFE PER I VOLI INTERNI. Sì, avete capito bene. Se sei argentino voli in pesos, se sei straniero voli in dollari. Paghi, cioè, tre volte di più. L'apartheid dei voli è ancora più vergognoso sapendo che Aerolineas ha praticamente raddoppiato i prezzi dei suoi biglietti per tutti. Fate attenzione, cari connazionali in partenza per queste bellissime terre. Un biglietto Italia-Buenos Aires lo si può strappare per mille euro. Ma poi se volete andare a vedere il ghiacciao Perito Moreno o le cascate dell'Iguazù ne dovete tirar fuori altri 300 o 400. Con sti soldi con una low coast si fa il giro d'Europa...

Consoliamoci con i Pumas, splendidi semfinalisti (lo dice uno che di rugby fino a un mese fa non ci capiva nulla) ai mondiali di Francia.

No comments: