Thursday, 17 July 2008

Cristina perde, tradita dal suo vice !



Guardate bene questa faccia. Sofferta, in una posizione che non avrebbe mai pensato di dover sopportare, è il volto di Julio Cobos, vicepresidente argentino che questa notte, al termine di una maratonica sessione di 18 ore, ha definito con il suo voto la bocciatura dell'aumento delle tasse sulle esportazioni agricole, misura polemica che ha spaccato da 4 mesi il paesi, governo da una parte, campagne e buona parte dell'opinione pubblica dall'altra. Il gesto di Cobos è storico, è la prima volta che qualcuno dice di No alla Signora K. Martedì il marito di Cristina ed ex presidente Nestor Kirchner ha detto che era in gioco la democrazia, che l'aumento era legittimo e che il governo avrebbe accettato la decisione del Senato. Il punto è che su questa questione la Kirchner ha perso parecchi alleati, governatori e parlamentari eletti nelle zone rurali dove intorno alla soia si muovono centinaia di città. Potrebbe essere l'inizio della fine, la gente non perdona a Cristina l'arroganza. Mi ricorda la bocciatura al referendum costituzionale voluto da Chavez, con gli studenti a guidare l'opposizione. La decisione di Cobos è arrivata alle 4 e mezzo di notte, in diretta televisiva, con i sostenitori del governo in piazza protestando e i dirigenti degli agricoltori a festeggiare a 40 isolati di distanza.

No comments: