Tuesday, 18 September 2007

Desaparecido




Un anno fa Julio Lopez usciva da casa a La Plata, città a 50 chilometri da Buenos Aires, dove si stava svolgendo un importante processo contro un ex capo della polizia dell'ultima dittatura militare accusato di aver ucciso decine di persone. Lopez, ex muratore in pensione, era comparso pochi giorni prima in tribunale e aveva raccontato senza timori di aver visto chiaramente Miguel Echecolatz nel campo di sterminio del regime dove era stato rinchiuso e da cui si era miracolosamente salvato. Aveva ricevuto minacce, gli era stato detto che sarebbe stato meglio non parlasse. Ma era un teste chiave in un processo voluto dal governo, impegnato sul fronte dei diritti umani, in un paese sulla carta pienamente democratico. Non poteva non andare. La sera del 18 settembre Lopez non tornò a casa. Desparecido, come durante la dittatura. Da un anno sulle volanti della polizia a Buenos Aires c'è la sua foto. Le speranze di incontrarlo vivo sono pochissime. Come trent'anni fa.

1 comment:

Camminare domandando said...

Già proprio come trent'anni fa...Ma l'impegno del governo sul fronte dei diritti umani comunque fa ben sperare.
Spriamo che rimanga un caso isolato